mercoledì 21 gennaio 2015

AL MANZONI DOMENICA 8 FEBBRAIO ore 11

TEATRO MANZONI
(via Manzoni, 42 – 210121 Milano)
DOMENICA 8 FEBBRAIO 2015 ore 11.00
PRIMA E UNICA DATA ITALIANA
Il fisarmonicista più amato da David Bowie,
Patti Smith e Kronos Quartet
in duo con un mago della batteria
KIMMO POHJONEN & ERIC ECHAMPARD
fisarmonica
Kimmo Pohjonen
batteria
Eric Echampard
Domenica 8 febbraio 2015, alle ore 11.00, presso il Teatro Manzoni di Milano (via Manzoni, 42), “Aperitivo in Concerto” propone, per la prima volta a Milano, uno dei performer più straordinari della scena musicale contemporanea, il finlandeseKimmo Pohjonen, definito il “Jimi Hendrix della fisarmonica”, stimatissimo da rockstar come David Bowie e Patti Smith. Al suo fianco ci sarà uno dei batteristi europei più fantasiosi, il franceseEric Echampard, per un duo che si preannuncia travolgente, all’insegna di magiche e nel contempo selvagge alchimie sonore.
Kimmo Pohjonen ed Eric Echampard collaborano dal 2001 e dal primo momento in cui si sono incontrati su un palcoscenico si sono posti un unico obbiettivo: suonare improvvisando, senza prove o alcunché di prestabilito, in un serrato susseguirsi di aperture melodiche e contrappunti, di momenti meditativi e carichi di dirompente energia, e in una costante alternanza fra tensione e distensione. Le loro performance sono sempre sorprendenti e coinvolgenti sia per il pubblico che per gli stessi due protagonisti.
Strumentista fenomenale, compositore ingegnoso,Kimmo Pohjonen è sicuramente una delle personalità più originali delle musiche d’oggi. Musica vibrante, entusiasmante per vitalità ed energie liberatorie, la sua: Kimmo Pohjonen è un vero e proprio sciamano in grado di evocare e provocare emozioni che paiono scaturire dal ventre della terra e del tempo, che intona melodie arcane e scandisce ritmi che attanagliano il corpo. Il suo scopo è sempre stato quello di condurre la fisarmonica in una dimensione assolutamente inedita, facendo ricorso anche alle più moderne tecnologie, sonore e visive.
Musica folk, classica, rock, danza, teatro, performance multimediale: non c’è praticamente ambito dell’espressività contemporanea con il quale l’artista finlandese non si sia confrontato.
Numerosissimi sono i progetti di cui è stato ideatore o nei quali è stato attivamente coinvolto. Con il Kronos Quartet e il percussionista e alchimista elettronicoSamuli Kosminen ha dato vita aUniko, progetto rappresentato al festival Bam Next Wave di New York, a Mosca, Helsinki e in altre città europee, e poi documentato su CD e DVD. Insieme al batterista Pat Mastelotto e al bassista Trey Gunn, entrambi provenienti dalle file dei King Crimson, ha costituito il trio KTU, con due album all’attivo.
Nel suo progettoAccordion Wrestling, Pohjonen ha affiancato dieci wrestlers finlandesi, accompagnando i loro combattimenti con il proprio strumento, trasformandoli così in un’inedita commistione fra sport, danza e teatro. InEarth Machine Music si è invece avvalso della collaborazione di agricoltori, suonando la fisarmonica ed elaborando elettronicamente suoni e rumori prodotti da macchine agricole.
Ha partecipato due volte al prestigioso Meltdown Festival di Londra, su invito di David Bowie e di Patti Smith che ne hanno rispettivamente curato la Direzione Artistica nel 2002 e nel 2005. Si è anche esibito alla Royal Albert Hall (nell’ambito del festival dei Proms), al Barbican Center e alla Queen Elisabeth Hall. Pohjonen ha ricevuto nomination ai BBC Radio 3 World Music Awards e al BBC Radio 3 Planet Award.
La sua poliedrica attività si è estesa anche al mondo della danza e del cinema.
Nato a Bourg-en-Bresse nel 1970,Eric Echampard è uno dei più versatili batteristi transalpini: con alle spalle studi classici, ha infatti collezionato esperienze nell’ambito del jazz, della musica contemporanea e del rock. In ambito jazzistico è considerato uno dei batteristi europei più innovativi. Nei primi anni Novanta è stato notato dal chitarrista Bernard Struber e dal sassofonista Jacques Di Donato, che lo hanno voluto nei rispettivi gruppi. Nell’arco di breve tempo Eric Echampard è diventato uno dei batteristi più richiesti di Francia: significative sono, in proposito, le sue collaborazioni con Michel Portal, Louis Sclavis, Raymond Boni, François Jeanneau, François Corneloup, Marc Ducret, Claude Tchamitchian, Andy Emler e altri ancora. Dal 2001 suona in duo con Kimmo Pohjonen, con il quale ha inciso nel 2005 l’albumUumen. Insieme a Bruno Chevillon, Benjamin de La Fuente e Samuel Sighicelli ha costituitoCaravaggio, gruppo che si muove fra rock e musica contemporanea. Attualmente, Eric Echampard fa parte dell’Orchestre National de Jazz, sotto la direzione del chitarrista Olivier Benoit.
Prevendita
Biglietto intero € 12 + € 1 prev.
Ridotto giovani € 8 + € 1 prev.
dal 29 settembre
alla cassa del Teatro – tel 02 7636901
tel diretto box office 02 763690669 - 616
posti fissi e numerati

Nessun commento:

Posta un commento

SE VOLETE ADERIRE AD UN'IZIATIVA LASCIATE UN COMMENTO